Il dott. Antonio Massimo Cutuli si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università’ degli Studi di Perugia con punteggio di 110/110 con lode discutendo una tesi sperimentale dal titolo “Diagnosi di accrescimento fetale” (con il Prof. G. C. Di Renzo). Nel 1998 ottiene l’abilitazione all’esercizio della professione di medico-chirurgo presso l’Università di Perugia con il massimo dei voti ed è regolarmente iscritto all’Albo Professionale della Provincia di Perugia;  nel 2000 ha conseguito il Diploma 11-14 Weeks Scan presso la Fetal Medicine Foundation del King’s College Hospital di Londra.

Il dott. Cutuli consegue con lode la Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia presso la Scuola di Specializzazione dell’Università’ degli Studi di Perugia nel 2002 discutendo la tesi sperimentale: “Flussi perinasali e dinamica respiratoria fetale”. Nello stesso anno consegue il diploma di accreditamento come istruttore nel monitoraggio elettrocardiografico fetale.

Il dott. Antonio Massimo Cutuli è operatore accreditato dalla FMF (Fetal Medicine Foundation) per la “translucenza nucale” e per gli screening dei difetti cromosomici del primo trimestre e membro dell’International Society of Ultrasound in Obstetrics and Gynecology (ISUOG).

Esperienze nazionali e internazionali

Fa parte del gruppo di lavoro del Progetto di Ricerca dell’Unione Europea denominato SOLUS-3D “Standardisation of On-Line Ultrasound Scanning in Three Dimensions” (Project Leader: Prof. Kevin J Dalton, Università di Cambridge) dal 1997 al 1999. Partecipa inoltre al team di lavoro italiano per il Progetto di Ricerca Europeo denominato EUROPET “European Network for Perinatal Transport” (Project Leader: Prof. E. Papiernik, Università René Descartes di Parigi).

È il rappresentante dell’European Association of Perinatal Medicine (EAPM) presso il gruppo di lavoro per l’elaborazione delle Raccomandazioni sull’assistenza alla madre e al neonato durante il puerperio e l’età neonatale.

È medico volontario dal 1997 al 2009 presso il Centro di Medicina Perinatale e della Riproduzione dell’Università degli Studi di Perugia diretto dal Prof. G.C. Di Renzo. Qui partecipa ad attività cliniche, di diagnostica ecografica, ostetrica e ginecologica, di diagnosi prenatale invasiva e terapia fetale; a questo aggiunge partecipazioni a seminari e ricerche e organizza organizzazione congressi, simposi nazionali e internazionali sotto la guida del Prof. Graziano Clerici.

Dal 2002 ad oggi è Dirigente medico di I livello presso l’U.O. di Ostetricia e Ginecologia di Fabriano e responsabile del Servizio di Diagnosi Prenatale del Dipartimento Materno-Infantile dell’Area Vasta 2, sede di Fabriano. Dal 2002 al 2006 è Medico Ostetrico-Ginecologo convenzionato con l’AIED di Ascoli Piceno.

Il dott. Cutuli svolge nel 2008 un tirocinio teorico-pratico presso l’U.O. di Medicina dell’Età Prenatale dell’Università di Bologna diretta dal Prof. N. Rizzo, assistendo alla diagnostica ecografica ostetrico-ginecologica e alle procedure di diagnosi e terapia fetale invasiva sotto la responsabilità del Prof. G. Pilu.

Attualmente opera come libero professionista nel campo della ginecologia, dell’ostetricia e della diagnosi prenatale.

Ricerca e didattica

Dal 2019 è membro del CEMER (Centro Europeo per la Medicina e la Ricerca) di Perugia e docente della PSUOG (Permanent School of Ultraosound in Obstetrics and Gynecology), diretta dal Prof. Graziano Clerici, presso la quale svolge attività didattica nel campo della diagnosi prenatale e dell’ecografia ostetrica. Si occupa inoltre della ricerca in ambito ecografico 3D per lo studio dell’anatomia fetale e di nuovi sviluppi nel Doppler materno-fetale.

Ha contribuito alla stesura e alla pubblicazione di un centinaio di lavori scientifici su riviste e testi nazionali e internazionali.

aDoc